COPIA ORIGINALE
 

VENERDI 15/03

► Ore 18.15


SABATO 16/03

► Ore 18.15


DOMENICA17/03

► Ore 16.45

 

 

 

 

Regia: Marielle Heller
Attori: Melissa McCarthy - Lee Israel, Richard E. Grant - Jack

Jane Curtin - Marjorie, Dolly Wells - Anna, Anna Deavere Smith - Elaine

Josh Evans (III) - Capo ufficio
Soggetto: Lee Israel - (libro)
Sceneggiatura: Nicole Holofcener, Jeff Whitty
Fotografia: Brandon Trost
Musiche: Nate Heller
Montaggio: Anne McCabe
Scenografia: Stephen H. Carter
Arredamento: Sarah E. McMillan
Costumi: Arjun Bhasin
Effetti: Mark Vicidomini
Suono: Damian Volpe

 

 

Quando gli editori si orientano su libri sempre più semplici e corrivi, la scrittrice Lee Israel si trova senza lavoro. I suoi tanti volumi dedicati, tra gli altri, a Katharine Hepburn ed Estée Lauder, non la salvano dal tracollo economico. Passa allora a redditizie truffe letterarie: falsifica lettere di celebrità decedute. Falso e originale, copia e collezionismo, riproducibilità intellettuale più che tecnica. Ispirata alle memorie della scrittrice Lee Israel.

 

UN GRANDE FILM CAPACE DI RENDERE UN PERSONAGGIO DIFFICILE UNA GIOIA DA INCONTRARE (mymovies)

 

 

"(...) Difficile suscitare simpatia per una protagonista tanto determinata a farsi odiare, ma - sullo sfondo di un'elegante ambientazione newyorkese e sul filo di un copione (Nicole Holofcener e Jeff Whitty, candidati all'Oscar) che scorre fedele al libro caricandosi di suggestioni letterarie - Melissa McCarthy (nominata alla statuetta) scandisce il dramma sui suoi formidabili tempi comici, conferendo un tenero spessore umano a questo ritratto di inguaribile misantropa; e intrecciando un felice duetto con il britannico Richard E. Grant, in gara come attore secondario per la spudorata genuinità con cui incarna Hock. Mescolando 'Goodbye Ladies' e 'Charade', la colonna musicale assicura al tutto un delizioso gusto retrò." (La Stampa')

 

"(...) Con Melissa McCarthy in una parte insolita, 'Copia originale' è un film raro. Mette insieme le solitudini di due marginali, Lee e Jack, mascherati dietro una facciata di cinismo e in lotta con un mondo che, ieri (l'azione si svolge nel 1991) come oggi, si fa beffe di chi non ha successo. Inoltre, cosa ancor più insolita, si prende il tempo necessario per farti familiarizzare con i personaggi, che osserva senza alcun pietismo." ('La Repubblica')

 

"Rimettendo in circolo la questione del vero o falso, magistralmente indagata da Fellini e Welles, la regista Marielle Heller, in ottima calligrafia venata di malinconia, inquadra le fake letter della scrittrice alcolizzata Lee Israel. (...) Candidato a tre Oscar, meriterebbe di far vincere soprattutto la strepitosa Melissa McCarthy comica trash che rivela finezza psicologica eccezionale." ( 'Il Corriere della Sera')

Immagine non disponibile

IL TEATRO DI
IMPROVVISAZIONE

AL CINEMA TEATRO ORIONE

previous arrow
next arrow

 

 

PARTNERS