LA FUGA - GIRL IN FLIGHT 

 

SABATO 09/03

► Ore 20.00 


DOMENICA 10/03 

► Ore 20.10

 

PRIMA VISIONE ESCLUSIVA

 

Premio Fice 2018 a Donatella Finocchiaro
Miglior Attore Minsk International Film Festival 
Miglior Film Straniero Woodstock Film Festival 2017
Candidato Efa Young Audience Award 2018

 

 

 

Regia: Sandra Vannucchi
Attori: Donatella Finocchiaro - Giulia, Filippo Nigro - Giorgio, Lisa Ruth Andreozzi - Silvia, Emina Amatovic - Emina, Andrea Atzei - Edoardo, Alessio Spagnoli - Muhammed, Dario Andreozzi - Michele, Linda Cerabolini - Carla, Silvia Salvatori - Signora Treno, Jelena Halilovic - Antoinette, Chiara Ahmetovic - Fadila, Daniele Garofalo - Zinad
Soggetto: Sandra Vannucchi
Sceneggiatura: Sandra Vannucchi, Michael King (IV)
Fotografia: Vladan Radovic
Musiche: Marcel Vaid
Montaggio: Osvaldo Bargero, Luigi Mearelli
Scenografia: Roberta Iaci
Costumi: Sabrina Beretta
Suono: Massimo Pisa
Aiuto regia: Gianluca Mizzi - (assistente)

 


La Fuga racconta la storia di Silvia, una ragazzina di 11 anni molto determinata, che vive con la madre Giulia, affetta da un grave depressione, e il padre Pietro, un uomo introverso, di poche parole e di tante regole. Silvia soffre molto del rifiuto della madre e della mancanza di attenzione da parte del padre. Dopo l'ennesimo litigio con i genitori per la mancata promessa di portarla a Roma, Silvia capisce che il suo sogno di visitare la capitale non sarà mai esaudito. Decide quindi di scappare e di partire da sola. Sul treno incontra Emina, una ragazzina zingara di tredici anni che, una volta a Roma, la porterà con sé alla scoperta della città.

 

<< L'opera è ispirata da una storia vera; si basa infatti, in parte, sulla mia esperienza personale. Il mio intento era quello di esplorare il modo in cui una bambina interagisce e tenta di rapportarsi con la profonda sofferenza di una persona amata. Volevo mostrare le emozioni, le reazioni psicologiche e la vita immaginaria di una bambina che soffre per la mancanza di affetto, per quel muro al quale ci si trova di fronte quando una madre soffre di depressione cronica, ma al contempo anche una storia che lasciasse trapelare la speranza di un futuro migliore >>
Sandra Vannucchi, regista





 

 

 

PARTNERS 

 

Privacy Policy