MENOCCHIO
 
 
VENERDI 09/11
► ore  19.45

SABATO 10/11
► ore  19.30

DOMENICA 11/11 
*ore  21.00
* ALLA PRESENZA DEL REGISTA

ALBERTO FASULO

 

 

PRIMA VISIONE ESCLUSIVA

 

Menzione speciale della Giuria dei Giovani - 71° Locarno Film Festival

Grand Prix du Jury - 35° Annecy Cinéma Italien

 

 

 

 

 

Regia: Alberto Fasulo
Attori: Marcello Martini - Menocchio, Maurizio Fanìn - Inquisitore, Carlo Baldracchi - Carceriere Parvis, Nilla Patrizio - Moglie, Emanuele Bertossi - Zanutto, Agnese Fior - Figlia, Mirko Artuso - Pre Melchiorri, Giuseppe Scarfì - Vicario generale, David Wilkinson - Cancelliere inquisitore, Roberto Dellai - Vescovo Maro, Gino Segatti - Pre Vorai
Sceneggiatura: Alberto Fasulo, Enrico Vecchi
Fotografia: Alberto Fasulo
Musiche: Paolo Forte - (musiche originali)
Montaggio: Johannes Hiroshi Nakajima (Johannes Nakajima)
Scenografia: Anton Špacapan Vončina (Anton Spazzapan)
Costumi: Viorica Petrovici
Suono: Mirrel Cristea, Sebastian Zsemlye, Riccardo Spagnol - (montaggio), Stefano Grosso - (montaggio), Daniela Bassani - (montaggio)
Aiuto regia: Chiara Santo

 
 
Domenico Scandella detto Menocchio, il 28 aprile 1584 subisce un interrogatorio da parte dell'Inquisizione. Mugnaio autodidatta di un piccolo villaggio sperduto fra i monti del Friuli viene accusato di eresia; non dà ascolto alle suppliche di amici e famigliari e invece di fuggire o patteggiare, affronta il processo. Non è solo stanco di soprusi, abusi, tasse, ingiustizie. In quanto uomo, Menocchio è genuinamente convinto di essere uguale ai vescovi, agli inquisitori e persino al Papa, tanto che nel suo intimo spera, sente e crede di poterli riconvertire a un ideale di povertà e amore.
 

 

 

Con una ricerca storiografica basata sull’opera Domenico Scandella detto Menocchio I processi dell’inquisizione (1583-1599) di Andrea Del Col e tenendosi distante dal celebre Formaggio e i Vermi di Carlo Ginzburg, Fasulo (Rumore biancoTir) inquadra l’eponimo mugnaio autodidatta (Marcello Martini, attore non professionista, mirabile, un Rutger Hauer più intenso) e ne fa corpo vivo, e ferita aperta tra i sepolcri imbiancati.

Tra eredità poetiche, simmetrie ideologiche e analogie stilistiche, da Il villaggio di cartone di Ermanno Olmi a Gostanza da Libbiano di Paolo Benvenuti e Su Re di Giovanni Columbu, può venire in mente qualcosa, ma non negli occhi: questo è cinema bastian contrario, cinema di spelonca, recluso ma indomito, eretico nel profondo, nella libertà di parola (“l’ideologia” che sentiamo è spuria) e ancor più di sentire. Non è per tutti, si capisce, Menocchio, ma per qualcuno può essere tutto.("Federico Pontigiggia")

 

"..L'elemento sociale e quello spirituale sono intrecciati e inscindibili, mettere in discussione l'uno significa sfidare l'altro. E pagarne le conseguenze. Il mugnaio lo sa, ma non arretra di un passo, con il cipiglio fiero delle rughe e dell'occhio glauco di Marcello Martini, attore per caso. L'aver individuato il volto del protagonista è solo uno dei miracoli di Alberto Fasulo, che in Menocchio muta ed eleva il proprio stile, rendendolo pittorico e materico.

Non a caso una delle sequenze più potenti del film è quella in cui il mugnaio posa il suo primo sguardo sugli affreschi dell'aula in cui sarà processato. Lì osserva l'autorappresentazione del potere, una successione di papi e re che sembrano imperturbabili di fronte all'affronto del mugnaio, anche loro a fianco dell'Inquisizione nell'unitario compattarsi del Potere. Da Augusto Tretti ad Alberto Fasulo il Potere ha mille volti ma è come se ne avesse uno solo, quando si tratta di difendere la propria autorità e il proprio privilegio.

Un cinema della sobrietà, virtù rara nel cinema italiano, che fa sua la lezione di Rossellini e Bresson ma che cerca di non strafare, di non sottolineare mai l'eccesso. Senza cedere al ricatto del sentimentalismo, o della comoda semplificazione. Le inquadrature sbilenche e i primi piani deformati seguono i turbamenti dell'animo di un uomo che non smette mai di interrogarsi sulle proprie credenze, laddove chi lo giudica vive di verità assolute e incontrovertibili. Cinema per non dimenticare da dove siamo venuti e dove potremmo tornare. Per non dimenticare il sangue versato da chi ha scelto di difendere la propria irriducibile diversità di pensiero" ('mymovies')

 

 

 

 

 

Immagine non disponibile

IL TEATRO DI
IMPROVVISAZIONE

AL CINEMA TEATRO ORIONE

previous arrow
next arrow

 

 

PARTNERS